Galli contro Draghi: “Sul Covid non ne ha azzeccata ancora una”

182

L’Infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano critica il premier: ”Le riaperture sono un segnale da libera tutti che ancora non ci possiamo permettere”

L’operato del Governo è stato fortemente messo in discussione da Massimo Galli: il direttore delle Malattie infettive al “Sacco” di Milano ha messo in allarme sulle possibili conseguenze delle riaperture pianificate dal 26 aprile.

“Draghi non ne ha azzeccata una”.

“Il punto è che con l’annuncio di venerdì è stato dato un messaggio di “liberi-tutti” che proprio non ci potremmo ancora permettere. Almeno fino a una migliore copertura dei settantenni con la prima dose e degli ottantenni con la seconda. Mi sembrano obiettivi ancora lontani”.

Massimo Galli ha giudicato troppo entusiastici i toni utilizzati per parlare di ripartenze. Ed ha avvertito:

“A me piacerebbe tantissimo far parte della schiera che pensa l’Italia sia messa benissimo, ma purtroppo non è così. Temo la diffusione dell’infezione. Abbiamo per mesi giocato coi colori e in Sardegna abbiamo recentemente visto il risultato più impietoso passando in pochissimo tempo dal “bianco” al “rosso”. E ora eccoci qui a dare un segnale di riapertura generalizzata mentre le infezioni attive nel Paese sono tra il mezzo milione e il milione. E queste sono stime conservative: non tutti i positivi fanno il tampone e scoprono di esserlo”.

Sui vaccini:

“Da qui al 26 aprile al trotto attuale avremo tre milioni e mezzo di nuovi vaccinati a esagerare, quindi 17 milioni in tutto. Il che significa non arrivare neppure a trenta dosi ogni cento persone. Per capirci, nel Regno Unito sono a sessanta dosi ogni cento persone. E risultati importanti si ottengono quando vengono superate le cento dosi ogni cento persone perché vuol dire che si è già partiti con i richiami”

In particolare la riflessione su Astrazeneca “abbiamo avuto un allineamento passivo su posizioni internazionali che non ci potevamo permettere visto lo stato della diffusione del contagio in Italia”.

(Globalist)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui