Ora Renzi vuole anche riaprire tutto: “Annulliamo il coprifuoco e apriamo teatri, ristoranti e scuole”

54

Il leader di Italia Viva invoca una svolta nella lotta al virus: “Occorre uscire dal tunnel della depressione. Credo sia arrivato il momento di provare a ripartire”

Uno schiaffo in faccia alle centinaia di morti che vediamo registrate nei bollettini di ogni giorno.

Matteo Renzi invoca una svolta nonostante la lotta al Covid sia ancora in corso, contro un nemico che ancora non molla la presa e che recentemente ha anche colpito la sua famiglia.

“Stop al coprifuoco, riapertura dei ristoranti. Penso e spero che sia arrivato il momento di iniziare a ripartire: riaprire scuola e università è doveroso e prioritario, sapete come la penso, ma credo anche che la svolta psicologica per il Paese arriverà soprattutto con l’abolizione della misura del coprifuoco e la riapertura dei ristoranti, dei teatri, degli spazi di socialità la sera. Solo allora inizierà l’uscita dal tunnel di questa lunga depressione”, scrive il leader di Italia Viva nella sua enews.

“Certo, tutto dovrà avvenire in modo ordinato, rispettoso delle regole, con precise procedure sanitarie. Non è una cosa che si fa dalla sera alla mattina, logicamente, ma proprio per questo serve un progetto saggio e lungimirante. Io ho molta fiducia in Mario Draghi, anche su questo”, aggiunge.

Anche la famiglia Renzi è stata aggredita dal Covid. “Vorrei ringraziare tutti per l’affetto di queste ore verso la mia famiglia. Emanuele e Ester sono ufficialmente fuori rispettivamente da quarantena e isolamento. Agnese sta molto meglio e attende il tampone per verificare che si sia finalmente negativizzata”, dice.

“Grazie di cuore, dunque, per i messaggi e un abbraccio virtuale a tutte le famiglie che stanno vivendo la nostra stessa esperienza, specie a quelle che hanno una forma grave e parenti costretti alla ospedalizzazione. Forza, siamo tutti con voi!”, aggiunge il leader di Iv.

Quindi, il tema dei viaggi all’estero. “Molti grillini dicono che io devo smettere di fare politica, forse perché non riescono a iniziare a farla loro. Ma anziché parlare in modo ossessivo dei miei viaggi all’estero (che ho fatto e continuerò a fare nel rispetto delle leggi di questo Paese), riescono a confrontarsi sulle idee per l’Italia?”, afferma.

” Noi li aspettiamo sul terreno del confronto, a cominciare da quello di Sanità 2030: venti idee per trenta miliardi da investire sulla sanità”, aggiunge il leader di Iv allegando il Piano Shock e il Family Act e sottolineando: “Italia Viva lancia proposte, non fa polemiche”.

(Globalist)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui