Toyota GR 86: è lei l’erede della GT86

57

Arriverà il prossimo autunno la nuova Toyota GR 86, dotata di un motore 4 cilindri boxer aspirato 2.4 con 235 CV e la trazione posteriore.

LA SECONDA GENERAZIONE – Le coupé compatte realizzate da costruttori generalisti sono una specie in via di estinzione, ma fortunatamente c’è ancora chi ci crede. Toyota e Subaru sono tra questi e dagli sforzi congiunti delle due case giapponesi nascono le eredi di Toyota GT86 e Subaru BRZ. La prima, che ora si chiama Toyota GR 86, segue di qualche mese l’annuncio della nuova Subaru BRZ (qui per saperne di più). Le due vetture, che sono state sviluppate congiuntamente, differiscono per pochi particolari e sono le eredi dei modelli lanciati nel 2012. La Toyota GR 86 si va ad affiancare alle altre due della famiglia GR (Gazoo Racing), la Supra e la Yaris. La GR 86 sarà disponibile in Giappone nell’autunno del 2021 ma, a differenza della BRZ, dovrebbe approdare anche in Europa (ancora non sono state diffuse le tempistiche).

PICCOLA E BASSA – Esteticamente la Toyota GR 86, che è una coupé compatta lunga 426 cm, larga 177, alta 131, con un passo di 257 cm, differisce dalla Subaru BRZ per la mascherina anteriore, che ricorda quella della GR Yaris, e per il disegno dei fari anteriori a Led. Altre modifiche riguardano le specifiche prese d’aria e le appendici aerodinamiche laterali, che, a detta della casa, migliorano le doti dinamiche. Cambia anche la forma del tetto.

INTERNI ESSENZIALI – Gli interni della Toyota GR 86 sono funzionali e concepiti nell’ottica di non distrarre il guidatore. Rispetto alle attuali tendenze i designer hanno prediletto un approccio “vecchio stile” con diversi tasti fisici e uno schermo touch di 7” per il sistema multimediale.

PESA POCO – Ma il piatto forte della Toyota GR 86 sono indubbiamente le doti dinamiche, ulteriormente affinate rispetto alla precedente generazione. Il peso ridotto, pari 1.270 kg, è frutto dell’impiego di materiali leggeri come l’alluminio, utilizzato per il tetto e i parafanghi. Le sospensioni seguono lo schema MacPherson all’anteriore e a doppio braccio oscillante al posteriore. A garantire l’impronta su strada ci pensano i cerchi in lega di 18” che calzano pneumatici 215/40. Migliora anche la rigidità torsionale di circa il 50% rispetto al modello precedente.

VIVA L’ASPIRATO – A spingere la Toyota GR 86 c’è lo stesso 4 cilindri aspirato 2.4 boxer della Subaru BRZ, che eroga 235 CV con 250 Nm di coppia, in grado di spingerla da 0 a 100 km/h in 6,3 secondi (1,1 secondi in meno della GT86). Abbinato al propulsore, che trasmette la coppia alle ruote posteriori, c’è un cambio manuale a sei rapporti. In alternativa è comunque possibile scegliere un automatico.

GLI ADAS – La Toyota GR 86 dispone anche dei sistemi di assistenza alla guida ormai irrinunciabili su un’auto moderna, come la frenata automatica di emergenza in caso di distrazione del guidatore.

(Emiliano Ragoni – AlVolante.it)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui