Covid, l’annuncio del premier inglese Johnson: “Dal 12 aprile anche io me ne vado al pub”

35

Il Regno Unito continua ad accelerare verso un deciso allentamento delle misure di restrizione anti Covid.

E il premier Boris Johnson con una battuta spazza via gli ultimi dubbi: “Io stesso da lunedì 12 aprile andrò al pub”. Conferma così la riapertura di quelli che sono i luoghi di ritrovo più amati da parte degli inglesi.

Il primo ministro ha voluto ancora una volta ringraziare i suoi connazionali per “la pazienza e gli sforzi, che stanno pagando” e rassicurato che la direzione è quella giusta, anche se resta la necessità di tenere alta l’attenzione e rispettare al massimo le regole. Johnson ha però precisato che per il momento non è stata ancora presa una decisione in merito ai viaggi internazionali.

Rispondendo alle domande dei giornalisti si è scusato per la mancanza di una scelta, ma ha spiegato che non deve essere sottovalutato il rischio per i viaggiatori di importare di nuovo virus nel Regno Unito. Insomma è facile che nei prossimi mesi sarà ancora alta l’attenzione su questo aspetto. Il premier ha inoltre voluto spiegare che non sarà richiesto “alcun certificato o covid status alle persone che si recheranno in negozi o pub a partire da lunedì, né pensiamo ad una cosa simile per la fase tre della roadmap”.

Il primo ministro ha aggiunto però che “l’idea di uno status sul vaccino può essere utile per i viaggi a livello internazionale e ci stanno pensando in molti”, anche se ha escluso l’introduzione a breve di un passaporto vaccinale. E la Gran Bretagna compie un altro importante passo avanti nella lotta al Covid. A partire dalla giornata di venerdì 9 aprile, infatti, il governo offrirà a tutta la popolazione la possibilità di effettuare due test rapidi anti Covid ogni settimana. Il rafforzamento del piano di prevenzione è considerato fondamentale per combattere la diffusione del virus.

(Corrieredellumbria)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui