Bracciano e il suo territorio:

56

Riceviamo e pubblichiamo.

Pianificare la Bracciano del futuro con cura, dando centralità al tema della mobilità sostenibile e valorizzando i beni comuni con la necessaria sensibilità ambientale: questo è quanto emerge dall’incontro di giovedì del tavolo tematico “Bracciano e il suo territorio” (Ambiente, Beni Comuni, Pianificazione territoriale e mobilità). 

Una partecipazione ampia e appassionata, con numerosi contributi da parte di cittadini, associazioni e professionisti, che denotano una grande richiesta di attenzione per le periferie e le frazioni, anche sul versante del decentramento amministrativo, nonché la necessità di una accurata pianificazione della mobilità urbana, a beneficio di tutto il centro, attraverso una più armonica programmazione dei parcheggi e il miglioramento del trasporto pubblico.

Le criticità del territorio

In primo piano, oltre alle criticità sulla gestione del centro storico, anche il lungolago e il verde pubblico, dove accanto alle aspettative di una maggiore valorizzazione si è alzato un grido di allarme sul tema dell’abbandono dei rifiuti e della messa in sicurezza di Cupinoro.

Proposte e idee che si inseriscono dentro alcuni capisaldi:

  1. il lago e le aree limitrofe ricadenti in “Zona Parco” devono essere valorizzati incoraggiando forme di turismo responsabile, promuovendo una fruizione consapevole dei valori ambientali presenti

Tutte le politiche di crescita devono essere declinate e coerenti con gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile così da valorizzare le bellezze del nostro territorio, senza comprometterle per le generazioni future

Marco Crocicchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui