Altri 11 posti letto per pazienti Covid: Zingaretti visita l’ospedale Belcolle di Viterbo

61

Una struttura modulare e tecnologica, connessa all’ospedale Belcolle di Viterbo attraverso un tunnel che fungerà da filtro d’accesso. Un investimento di 2 milioni di euro per l’assistenza dei pazienti Covid

“Prosegue, senza sosta, l’impegno della Regione Lazio sul fronte del contenimento e del contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid”. Lo afferma il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti  che questa mattina ha visitato, la struttura modulare che permette l’attivazione di 10 nuovi posti di Terapia intensiva Covid presso l’ospedale Belcolle di Viterbo accompagnato dall’Assessore alla Sanità, Alessio D’Amato e Daniela Donetti, Direttore Generale della Asl di Viterbo.“Una struttura nuova, modulare e dotata di tutte le ultime tecnologie – afferma l’Assessore D’Amato – e che sarà utile in questa fase come argine per contrastare il Covid in un ospedale importante nella rete come il Belcolle.

Grazie ai lavori, ultimati in tempi record, la struttura entrerà in funzione nei prossimi giorni,  i 10 nuovi posti letto di Terapia intensiva per pazienti Covid positivi  andranno a sommarsi ai 12 già attivi presso il nosocomio viterbese, per un totale di 22 posti.

La nuova struttura e le strumentazioni moderne 

Il modulo prefabbricato è stato realizzato grazie al contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Commissario Straordinario del Governo per l’Attuazione e il Coordinamento delle Misure di Contenimento e Contrasto dell’Emergenza Epidemiologica Covid-19), per un importo di quasi 2 milioni di euro. “ Il nuovo reparto realizzato a Belcolle potenzia ulteriormente l’offerta di salute messa in campo presso l’hub ospedaliero e in tutto il territorio della provincia di Viterbo. Un aiuto e una presenza costanti per sostenere le persone colpite dal Coronavirus e le loro famiglie – ha commentato il Presidente Zingaretti – Anche qui nella Tuscia, la campagna vaccinale anti COVID va spedita grazie alla presenza di 11 punti di somministrazione. L’obiettivo nel Lazio è quello di raggiungere le 60 mila dosi/giorno e oltre la metà degli Over 80 ha già ricevuto la seconda dose completando così il ciclo vaccinale”.

La nuova area sanitaria è direttamente collegata con tutti i servizi Covid e non dell’ospedale di Belcolle ed è dotata di tutte le moderne strumentazioni per il monitoraggio e l’assistenza dei pazienti per i quali è richiesta una terapia intensiva. L’accesso al building è garantito da un filtro d’ingresso collegato all’ospedale esistente tramite un tunnel. I percorsi sono stati concepiti per consentire agilmente le manovre di assistenza e movimentazione letti. “Tutto il Sistema sanitario sta compiendo uno sforzo considerevole e questa nuova struttura rimarrà come patrimonio anche nelle fasi successive.- conclude D’Amato- Voglio ringraziare i nostri operatori sanitari per la loro passione e il loro straordinario impegno nel contrasto alla pandemia”.

(RomaToday)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui