Lavoratori mense dell’ENEA da 1 anno in cassa integrazione: senza soldi da mesi. Interrogazione alla Camera

947

Presentata interrogazione a risposta scritta dalla parlamentare Chiara Gribaudo, su una vicenda che ha davvero dell’incredibile

 

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali – per sapere – premesso che:

a seguito della dichiarazione di stato emergenza per la pandemia da Covid-19, dal mese di marzo 2020 i circa 200 dipendenti della Allfood S.p.a., impiegati presso le mense/bar nei centri ENEA e in particolare presso i centri Enea di Casaccia (Roma), sono stati collocati in regime di cassa integrazione a carico del Fondo Integrativo salariale;

nel corso degli ultimi 11 mesi sono state erogate ai dipendenti Allfood soltanto tre mensilità; da luglio 2020 i lavoratori non hanno percepito più alcun reddito e si trovano oggi in uno stato di grandissima difficoltà economica;

le rappresentanze sindacali hanno sollecitato più volte INPS nel corso del 2020; il giorno 8 gennaio 2021 è stata presentata una denuncia alla Procura della Repubblica di Roma per violazione del principio di trasparenza da parte dell’ente previdenziale;

da fonti sindacali si apprende che i competenti funzionari INPS, interpellati verbalmente, hanno informato che la pratica FIS per la Allfood S.p.a. è stata richiesta per crisi aziendale anziché per covid-19, comportando nella fattispecie tempi di lavorazione decisamente più lunghi;

  • se il Ministro interrogato è a conoscenza dei fatti in premessa;
  • se ritiene accettabile per questi lavoratori l’assenza per un periodo di 11 mesi dell’erogazione dei suddetti ammortizzatori sociali;
  • se esistono specifiche problematiche che impediscono l’erogazione dell’ammortizzatore tramite FIS;
  • quali iniziative intende intraprendere al fine di sbloccare l’erogazione degli ammortizzatori sociali ai lavoratori Allfood S.p.a. impiegati presso il centro di ricerca ENEA Casaccia.

Chiara Gribaudo

 

2 Commenti

  1. Purtroppo anche io faccio parte di questo pasticcio, l” Enea in questi anni ha fatto sempre gare al massimo ribasso costringendo varie ditte addirittura a dichiarare fallimento, io lavoro per l’ ALL FOOD ,e precisamente lavoro nell’ Enea di Portici, e mi domando come può una ditta se il dpcm dell’ estate prevedeva la ‘ apertura delle mense e dei relativi bar, non dichiarare crisi se i dipendenti della Enea cioè quelli ai quali dovevano godere del servizio in essere dalla relativa gara non c’erano? Ovvero stavano a casa a lavorare, la ditta a chi doveva offrire il servizio?

    • E’ un disastro, tu hai perfettamente ragione. Ma questa è la nostra organizzazione, questo il “sistema Italia”.
      Oltre che ad esprimere la assoluta solidarietà con te, con voi, e con i tanti lavoratori e imprenditori (non tutti) che si trovano in questa situazione, possiamo solo seguire con assiduità la vicenda, dare voce a chi la subisce, e pretendere il rispetto delle persone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui