L’indice di contagio Rt per la prima volta sopra 1 dopo 7 settimane

98

L’Istituto Superiore di Sanità evidenzia anche un aumento della pressione ospedaliera nell’ultima settimana: i ricoveri delle terapie intensive sono passati da 2.146  a 2.327 

Nel periodo 10 – 23 febbraio l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,06 (range 0,98– 1,20), in aumento rispetto alla settimana precedente e sopra uno per la prima volta in sette settimane. È il dato emerso dalla Cabina settimanale di regia, secondo quanto comunica l’Istituto superiore di Sanità.

Nella settimana 22-28 febbraio dopo un periodo di crescita si osserva “una netta accelerazione nell’aumento dell’incidenza a livello nazionale rispetto alla settimana precedente (194,87 per 100.000 abitanti contro 145,16 per 100.000 abitanti”.

L’incidenza nazionale nella settimana di monitoraggio, quindi, “si allontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti e anzi si avvicina alla soglia di 250 casi per 100mila abitanti”.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento (26% vs 24% della scorsa settimana).

Il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in aumento da 2.146 (23 febbraio) a 2.327 (2 marzo); anche il numero di persone ricoverate in aree mediche è in aumento, passando da 18.295 a 19.570.

Si osserva inoltre, sottolinea l’Iss, “un forte aumento nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione aumenta (41.833 vs 31.378 la settimana precedente) e scende la percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti (28,8% vs 29,4%). Scende anche, la percentuale di casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (35,2% vs 36,1% la settimana precedente)”.

(Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui