Pigneto, cassonetti pieni e microdiscariche. Petizione a Raggi: “Non siamo cittadini di serie B”

86

L’appello lanciato dal movimento Pigneto Pop: “Quartiere pulito o perduto”

 “Non siamo cittadini di serie B”. 

E’ il grido che arriva dal Pigneto dove gli abitanti denunciano cassonetti sempre stracolmi, con conseguente degrado e cattivo odore per le strade del quartiere, e il proliferare di microdiscariche ad opera di “zozzoni” che abbandonano negli angoli più nascosti della zona, ma anche accanto alle pattumiere e lungo i marciapiedi, rifiuti ingombranti di ogni genere.

Pigneto, cassonetti pieni e microdiscariche: petizione a Raggi

Da qui la petizione indirizzata alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, e alla Asl Roma 2 affinchè intervengano per arginare degrado e potenziali pericoli per la salute. Un moto di protesta nato nel novembre scorso “quando – spiegano i promotori dell’iniziativa – la situazione era veramente fuori controllo”. 

Ora “la situazione è migliorata – fa sapere Eva Vittoria Cammerino cofondatrice di Pigneto Pop, il movimento di quartiere da cui nasce l’appello – il nuovo assessore all’ambiente del municipio V nelle ultime settimane sta svolgendo un buon lavoro a livello di pulizia. Chiediamo però che rimanga alta l’attenzione sui due punti del Pigneto più critici, tra via L’Aquila e via Ascoli Piceno e su via del Pigneto 117, sia in materia di raccolta dei rifiuti che in termini di sicurezza. Purtroppo – ha aggiunto – continuiamo ad assistere all’abbandono selvaggio di divani ed elettrodomestici in tutto il quartiere ma sopratutto tra via L’Aquila e via Ascoli Piceno dove la situazione è aggravata dallo spaccio”. 

Cassonetti spostati “accanto ai tavolini dei locali”

I residenti che hanno firmato la petizione chiedono che i cassonetti spostati temporaneamente  a inizio 2020 per i lavori (ormai conclusi) da circonvallazione Casilina a via del Pigneto 117, “tra i ristorante e i tavolini dove si mangia”, vengano riportati nella loro posizione originaria e tornino ad essere cassonetti differenziati. Circa 400 le firme raccolte sotto lo slogan Pigneto #pulitooperduto

 “Siamo molto soddisfatti della risposta dei cittadini del Pigneto e della conseguente attenzione che l’amministrazione municipale sta dando al nostro territorio. Auspichiamo che la nostra azione – ha concluso Giulia Cavagna, altra co-fondatrice di Pigneto Pop – sia solo l’inizio di un cambiamento più profondo con l’obiettivo collettivo di migliorare il nostro quartiere”. 

(Romatoday)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui