Reagire al bullismo, un decalogo per gli insegnanti, di Benino Argentieri

320

Anche se la maggior parte degli atti di bullismo scolastico avviene in assenza degli adulti, può capitare che l’insegnante assista in prima persona.

Ecco un decalogo per sapere come reagire.

  1. Quando in dubbio, intervieni: si mostra ai ragazzi che sul fenomeno c’è un monitoraggio continuo.
  2. Agire immediatamente: sorvolare sull’accaduto potrebbe essere letto come collusione.
  3. Attenersi ai fatti: dire quello che si è visto o ripetere le parole sentite.
  4. Risolutezza: non fatevi coinvolgere in una discussione ma mantenete un tono di voce fermo, non aggressivo, autorevole e senza tentennamenti.
  5. “Noi non trattiamo le persone in questo modo qui”: enfatizzare il “noi” indica che ognuno ha la responsabilità che ciò non si ripeta.
  6. Conseguenza immediata: applicate subito un provvedimento disciplinare adeguato (che vada dal semplice avvertimento alla sospensione).
  7. Continuare con le attività didattiche: questo chiarirà agli studenti che non finisce lì.
  8. Confrontare il bullo in separata sede: toglietegli il palcoscenico di cui ha bisogno e, con quello l’opportunità di essere sprezzante e mancarvi di rispetto, minando la vostra autorità di fronte alla classe.
  9. Curarsi della vittima: sempre in privato, chiedete alla vittima se i comportamenti stanno continuando e prendete provvedimenti se necessario, come ad esempio
  10. Informare i genitori: sottolinea la gravità del comportamento e dà la possibilità di un intervento anche a casa.

Per concludere, queste indicazioni sono utili nell’immediato ma l’intervento del singolo insegnante è poco efficace senza un ampio programma scolastico che coinvolga tutte le persone in gioco: dirigenti, insegnanti, personale ATA, famiglie e studenti.
La scuola dovrebbe esibire una politica comune sulla quale formare il personale per sapere come intervenire e procedere, conoscere i luoghi e i momenti a rischio (cambio dell’ora, spogliatoi, ecc.) e, soprattutto essere coerenti e costanti, con messaggi e tematiche antibullismo come parte regolare dell’esperienza a scuola dei ragazzi.

a cura dello psicologo Benino Argentieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui