«Equologica», domani parte la «cosa rossoverde»

306

A sinistra. La kermesse in streaming, tra gli ospiti Conte, Speranza, Fico e Sassoli

La «cosa rossoverde» si avvia al decollo. Domani l’evento «Equologica 2020», neologismo che sta a indicare la volontà di mettere la prima pietra di un nuovo soggetto politico, una rete che punta a riunire tanti pezzi di sinistra, civici e dell’ambientalismo che si sono dispersi.

Obiettivo: spostare a sinistra su questione sociale e ambiente l’asse del governo Conte

(che parteciperà con un video e incontrerà i promotori la prossima settimana) e dare una cornice nazionale alle tante liste rossoverdi che correranno alle comunali di primavera. Tra i promotori una dozzina di parlamentari, quasi tutti eletti con Leu, da Nicola Fraoianni a Francesco la Forgia, ma anche l’europarlamentare eletto col Pd Massimiliano Smeriglio, l’ex sindaco di Cagliari Massimo Zedda, la vicepresidente dell’Emilia Romagna Elly Schlein e l’ex ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti con una pattuglia di ex M5S.

I temi su cui fondare questa iniziativa sono la riduzione delle diseguaglianze, la patrimoniale, il salario minimo e il reddito universale, scuola e sanità pubblica, oltre alla «trasformazione ecologica del sistema produttivo».

L’evento si svolgerà in streaming, e presenta un parterre ricchissimo: 44 tavoli tematici al mattino, 8 panel al pomeriggio,

con ospiti i ministri della Salute Speranza, del Lavoro Nunzia Catalfo e dell’Università Gaetano Manfredi, il presidente dell’Europarlamento David Sassoli e il vice Fabio Massimo Castaldo (M5S), il presidente della Camera Roberto Fico. E poi Nichi Vendola, Mimmo Lucano, Andrea Orlando, Beppe Sala, le sardine Mattia Santori e Jasmine Cristallo, Susanna Camusso, Enrico Giovannini, Gianna Fracassi, Pietro Grasso.

Di economia e lavoro parleranno Gianna Fracassi della Cigl, Pierpoalo Bombardieri dell Uil e Aboubakar Soumahoro. E ancora: il sindaco di Lecce Carlo Salvemini, il presidente dell’VIII municipio di Roma Amedeo Ciaccheri, consiglieri comunali come Eleonora Artesio (Torino), Emily Clancy e Federico Martelloni (Bologna), Eleonora De Majo e Sandro Fucito (Napoli), Paolo Limonta (Milano).

«Vogliamo il massimo di unità nel campo progressista e il massimo di autonomia politica e culturale», dice Smeriglio. «Questo governo è l’esperimento nelle condizioni date più avanzato», gli fa eco La Forgia. «Ma non vogliamo dare deleghe in bianco a nessuno. Non siamo i Renzi di sinistra che alimentano tensioni, ma ci sono temi chiave che devono trovare cittadinanza nel governo, come la riduzione delle disuguaglianze».

(Il Manifesto)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui