29 Gennaio, 2023
spot_imgspot_img

“Roma Stupita” la poesia in romanesco di Vespina Fortuna

Roma stupita.

Aho, ma che fine avete fatto tutti quanti?
Ar principio m’ero puro compiaciuta
ma sto silenzio mo’ me leva er core!
A parte l’auti su li sampietrini
e la sirena delle crocerosse
pe’ ste strade deserte nun c’è gnente.

Per carità
è stato commovente
risenti’ er Tevere scorre ne le vene
li passeracci cinguettà sull’arberi
e le fontanelle gorgojà argentine
ma mo’ basta!
Forza, nun fate i scemi
basta scherza’
carnevale è finito già da 'n pezzo
'ndo ve n'annate co' quelle mascherine in faccia?
Perché nun ve parlate più fra voi?
Ve sete litigati?
Perché nun ve abbracciate?
Perché nun ve baciate?
Perché nun ve sedete ar fontanone?
E li cinematografari ‘ndo so annati?
Nimmanco a Agosto c'è tutto sto silenzio
né 'na turista pe' arzaje la gonna ar ponentino
o 'na coppietta co' la grattachecca.
Sete spariti tutti
così
da un giorno a n’artro
senza damme un saluto
'na carezza

nemmeno ‘na parola de commiato.
Perfino li gabbiani so scappati
le cornacchie se ne stanno zitte
li piccioni nun beccano molliche
li topi rintanati ne le fogne
e stamattina
puro er cielo piagne.

Ultimi articoli