Pizzorno: “Arricchimento reciproco dal gemellaggio Anguillara-Blanca”

216

Archivio

“Sabato 6 luglio si è consumato un atto molto importante per i due paesi gemellati. L​’amministrazione Comunale di Anguillara ha conferito la cittadinanza onoraria al sindaco di Blanca, la cerimonia si è svolta nella chiesa di S. Francesco dove l​’emozione ha coinvolto le moltissime persone accorse a rendere omaggio ai nostri amici spagnoli ma soprattutto all​’alcalde”. Saverio Fagiani, l’ex assessore comunale tra i fondatori dell’associazione di amicizia Anguillara-Blanca e tra i più convinti sostenitori del gemellaggio tra le due cittadine, parla del riconoscimento a Laorden Carrasco con orgoglio e con emozione.
“Questo atto ha un significato estremamente importante – continua Fagiani – perché va a riconoscere il lavoro prodotto nei 15 anni di gemellaggio, alla persona che più di chiunque altro ha lavorato per rendere vivo il gemellaggio tra i due nostri amati paesi. Rafael Laorden Carrasco ora è anguillarino a tutti gli effetti anche se in cuor suo lo era ormai da molto tempo. Ora i due paesi e i due popoli sono molto più vicini”.
Fagiani, che ad aprile è stato nominato a sua volta “hijo adoptivo” della cittadina della Murcia, riconoscimento che corrisponde alla nostra cittadinanza onoraria, è stato tra gli organizzatori del soggiorno della delegazione di Blanca ad Anguillara, in occasione della Sagra del Pesce e del conferimento dell​’onorificenza al primo cittadino blanqueño, conclusosi domenica 7 luglio con il gemellaggio musicale tra la banda di Anguillara e la Agrupacion Musical de Blanca.
“Come figlio adottivo di Blanca ho salutato con molta soddisfazione l​’atto appena terminato – prosegue Fagiani – il mio impegno resta quello di proseguire nella strada tracciata sin dal 1998, anno dell​’hermanamiento. Molti interscambi culturali, sportivi e scolastici si sono succeduti e molti altri dovranno essere programmati tenendo sempre fede all​’impegno che ci siamo assunti quando firmammo l​’atto formale nella splendida cornice delle rovine del Castello di Blanca. Fondamentale è stato il notevole impegno dell​’Associazione culturale Anguillara-Blanca che da subito ha sostenuto, programmato e organizzato le molteplici iniziative consumate. Personalmente continuerò a lavorare nell​’Associazione Anguillara-Blanca insieme al presidente Marco D​’Andrea al vicepresidente Antonietta Benedetti e ai tanti soci che con grande spirito di sacrificio hanno lavorato e lavorano affinché i principi che accomunano i due popoli siano sempre custoditi nei nostri cuori”.
Anche il sindaco Francesco Pizzorno si è detto “molto contento dell​’evento e soprattutto di avervi potuto partecipare in prima persona con un atto formale importante per la storia di fratellanza, amicizia e solidarietà tra le due cittadine. Ma mi preme ricordare che il ruolo svolto dall​’Amministrazione è solo quello di dare il via e rinsaldare un​’unione che è anche compito dei cittadini curare e intensificare, in particolare ora che le due comunità sono così affiatate e compenetrate. Quella tra Blanca e Anguillara è un​’amicizia avviata che va vista come un​’occasione di scambio e arricchimento reciproco”.

Fonte/Autore: Michela Mansi