LAGONE

Bracciano Ambiente: “Cupinoro non accoglierà i rifiuti di Roma”

ottobre 19
00:00 2012

Archivio

Dopo le polemiche scoppiate ieri a seguito delle presunte dichiarazioni del sindaco Gianni Alemanno, che avrebbe indicato Cupinoro come invaso dove conferire i rifiuti della Capitale in un prossimo futuro, la Bracciano Ambiente in un comunicato stampa a firma del presidente del consiglio d’amministrazione della società, Marcello Marchesi, precisa la propria posizione.
“In merito alle affermazioni – si legge nel comunicato stampa – riportate da tutti gli organi di stampa e, successivamente alla pioggia di smentite, immediatamente rimaste orfane, secondo cui, all​’esito di un incontro tra il sindaco di Roma e i comitati dei cittadini di Valle Galeria, sarebbe ​’emerso​’ o ​’trapelato​’ che la discarica di Cupinoro, gestita da questa società pubblica, costituirebbe il sito definitivo deputato allo smaltimento dei rifiuti di Roma Capitale, è interesse di questa azienda confutare recisamente l​’esistenza di qualsivoglia accordo che coinvolga la discarica di Cupinoro e questa azienda nella soluzione, anche parziale e temporanea, della emergenza rifiuti romana.
Tali affermazioni, di cui non si conosce l​’autore, risultano smentite dai fatti.
Il consiglio comunale di Bracciano ha appena (il 10 ottobre scorso) deliberato gli indirizzi del piano industriale e di sviluppo della partecipata, che prevedono la realizzazione: di un impianto di trattamento della FORSU (frazione organica) della capacità di 30.000 ton/anno; di un impianto di trattamento meccanico biologico della capacita massima di 135.000 ton/anno; di una discarica residuale per sovvalli (residuo inertizzato da trattamento e stabilizzazione dei RSU), a servizio degli impianti come previsto dalla legge, della capacità di 450.000 mc, la cui richiesta non è ancora stata avanzata alla Regione Lazio, che preveda una quota di riserva minima del 70% in favore dei 25 comuni costituenti l​’attuale bacino dei conferitori.
Il 30% di volumetria residua disponibile ammonterebbe a 135.000 mc. Roma Capitale produce circa 1.500.000 ton/anno di rifiuti. I RSU hanno un rapporto pari a circa 1 ton = 0,8 mc.
Se ne deduce che, al netto della quota del 70% del nuovo invaso riservata ai 25 comuni conferitori, il piano industriale appena approvato dal consiglio comunale e che sarà applicato alla lettera da questa azienda, consentirebbe lo smaltimento dei rifiuti di Roma Capitale per poco più di un mese. Davvero poco per un ​’sito definitivo​’.
Se davvero fosse esistito un ​’accordo​’ per fare di Cupinoro la nuova Malagrotta, il consiglio comunale avrebbe deliberato una volumetria di gran lunga maggiore e, contestualmente, sarebbe stata sensibilmente ridotta la quota di riserva in favore dei comuni di bacino, così da rendere disponibili volumi proporzionali alle enormi quantità di rifiuti prodotti da Roma. Non avendo deliberato che quanto appena rammentato, su tale vicenda non c​’è altro da aggiungere”.

Fonte/Autore: redazione

Share