Ad occhi chiusi, documentario sul tango, difficilmente lo vedremo nei cinema.Questa è l​’Italia.

Archivio

Il Documentario sul tango di Simonetta Rossi con Sebastian Arce, Mariana Montes, Chicho Mariano Frumboli, Mauro Zompa, Sara Masi, Lucas di Giorgio, Jeraldine Rojas, Ezequiel Paludi, uscirà il 28 settembre a Parma.
Dura 70 minuti e parla di Rossana giovane artista italiana che nel tango scopre un nuovo linguaggio per comunicare con il proprio compagno, capiremo attraverso i suoi occhi come quest​’antica danza possa portare ad una reale metamorfosi del corpo e dell​’anima. Incontreremo Nicola, Pietro, Simonetta e tanti altri testimoni preziosi di come il tango risolva i nostri bisogni primari. L​’intreccio narrativo sarà costellato e impreziosito dalle voci e dai volti di numerosi protagonisti, tra i quali, l​’ultima generazione giovane di ballerini argentini a cui i vecchi milongheri hanno passato l​’arduo incarico di tramandare la vera cultura del tango (Sebastian Arce, Mariana Montes Cicho Fruomboli etc…).
Si può vedere a Parma il 28 settembre e il 5 ottobre, a Sanremo il 1 ottobre e a Barletta il 7, a Torino il 14. Nel Lazio non c​’è nessuna data disponibile, speriamo che qualche esercente si attivi per proiettarlo.
”(Sito ufficiale)”:http://www.adocchichiusi.com

<object width=”480” height=”385”><param name=”movie” value=”http://www.youtube.com/v/W4NnMP1H4wc&hl=it_IT&fs=1&”><param name=”allowFullScreen” value=”true”><param name=”allowscriptaccess” value=”always”><embed src=”http://www.youtube.com/v/W4NnMP1H4wc&hl=it_IT&fs=1&” type=”application/x-shockwave-flash” allowscriptaccess=”always” allowfullscreen=”true” width=”480” height=”385”></object>

L​’industria televisiva impone che un documentario sia venduto prima ancora dell​’inizio della sua realizzazione ad un canale televisivo in grado di coprire le spese di produzione. Questo comporta che vengano prodotti solo progetti ritenuti commercializzabili, ma per quei film che non rientrano nelle logiche di mercato ?
AD OCCHI CHIUSI è riuscito, partendo da una produzione indipendente, a cambiare le regole del gioco…
Le sponsorizzazioni non erano sufficenti a coprire le spese di produzione; invano abbiamo cercato appoggi dalle TV Italiane,
ma non ci siamo arresi perchè eravamo sicuri che il film Doveva essere divulgato. Per questo abbiamo deciso di partire per la Francia, dove la TV franco tedesca Arte ha riconosciuto il valore dell​’opera e ci ha offerto un pre acquisto del film.
Inizialmente ci avevano detto che non comprano praticamente mai documentari italiani, ma abbiamo insistito perchè almeno lo vedessero.
Ci hanno richiamato dopo due giorni dicendoci che avevano trovato il film ”Emozionante, intelligente e sensibile”.

Fonte/Autore: Lagone