Per l​’ecografia mammaria passi tra sei mesi. Per dimezzare l​’attesa basta aggiornare la lista del RECUP della Regione Lazio

Archivio

“Chiamando il numero verde del Recup per prenotare un’ecografia mammaria in una struttura pubblica della Regione Lazio, oggi un cittadino si è sentito rispondere che prima di febbraio o marzo del 2011, il prossimo anno dunque, non è possibile. Come molti sanno si tratta di un esame diagnostico diffuso e di estrema importanza per un’efficace azione di prevenzione del tumore alla mammella, che se individuato per tempo è può essere curato, con notevole riduzione del tasso di mortalità delle pazienti. Non è dunque, possibile, che la sanità pubblica del Lazio non fornisca garanzie in questa direzione, contraddicendo così il diritto alla tutela della salute”. Così, Enzo Foschi, consigliere del Pd della regione Lazio e membro della commissione Sanità alla Pisana.

“Da quanto emerge il problema è che dall’agenda del Recup, ovvero le strutture disponibili per effettuare visite o altre prestazioni, sono esclusi i privati accreditati con la regione Lazio e i Policlinici universitari o cattolici. In sostanza sono presente solo le aziende ospedaliere, ovvero il 35% dell’offerta complessiva. Un dato che sconcerta soprattutto se si pensa che se si arrivasse all’80% potremmo arrivare addirittura a superare il dimezzamento della lista d’attesa. E’ opportuno che i avvii in commissione Sanità e in consiglio regionale una seria discussione che in tempi rapidi, come lo sono le esigenze dei cittadini che rappresentiamo, porti a una soluzione semplice ed efficace come lo è questa”.

Fonte/Autore: Enzo Foschi