Per Edizioni Nexus è uscito il libro ”La Religione che uccide” di Alessio Di Benedetto

Archivio

Un libro che ripercorre la storia dei crimini più efferati del cattolicesimo dall’antichità fino ad oggi. Che cerca di porgere l’orecchio alle principali eresie medioevali che lanciarono, insieme con Federico II di Svevia, il primo messaggio di libertà al mondo, motivo per il quale fu assassinato dal servizio segreto papale. Che recupera la grande civiltà millenaria araba, grazie alla quale le conoscenze del passato ci sono pervenute con tutta la loro carica rivoluzionaria. Che va a curiosare nella vita privata, nei sotterfugi politici e nelle orge sessuali che si tenevano entro le mura del Vaticano. Che presenta le falsificazioni storiche dei vaticanisti. Che svergogna senza mezzi termini la vendita dei “primi posti in paradiso”. Che analizza la veridicità dei vangeli romani, scritti a tavolino dalla famiglia Pisone, da Plinio il Vecchio e da Seneca. Che esamina il rapporto fra stato e chiesa nei secoli. Che narra la storia segreta delle crociate e i motivi politico-religiosi che mossero quella devastante contro i Catari. Che chiarisce le collusioni della Santa Sede con i regimi sanguinari nazifascisti durante la seconda guerra mondiale: il collaborazionismo stretto fra Hitler e Mussolini con Papa Pio XI e XII, supportato da lettere e documenti che svergognano l’appoggio indiscriminato da parte di simili timorati di Dio, affinché queste ideologie di sterminio distruggessero il pericolo comunista ed ebraico. Che racconta dei campi di concentramento in Jugoslavia ove operavano attivamente, nella soppressione fisica dei deportati, francescani di provata fede cattolica. Che analizza la fuga dei loro boia in America Latina con passaporto vaticano. Che descrive il calvario dei “desaparecidos” di ieri e di oggi e l’appoggio che Wojtyla e lo IOR hanno dato ai dittatori latinoamericani affinché reprimessero La Teologia della Liberazione. Che racconta delle principali accuse lanciate dal Grande Inquisitore Ratzinger contro i teologi libertari, quali Drewermann, Balasuriya, Küng, Boff ed altri. Che chiarisce il cancro della pedofilia che attecchisce nelle Chiese di tutto il mondo e dell’Italia, proponendo tale malattia come l’essenza della ritualità cattolica: il sacrificio dell’innocente! Che comunica, contro i mezzi di disinformazione di massa, come in tempi recenti, l’opusista Berlusconi abbia fatto approvare il cosiddetto Decreto Salvapreti con norme analoghe al più fosco passato: non è permesso ai giudici mettere sotto controllo il cellulare di un sacerdote pedofilo se non si ha preventivamente l’autorizzazione del vescovo, del cardinale ed infine del papa. Che ricorda che, quando Ratzinger è stato eletto papa era indagato, insieme col suo braccio destro Tarcisio Bertone, nuovo segretario di Stato del Vaticano, per “cospirazione contro la giustizia”, in quanto costoro avevano coperto i casi di pedofilia clericale negli States. Che pensa ad una mobilitazione contro il Testamento Biologico Cattolico, imposto ai cittadini italiani da uno stato estero! Che ricorda lo scempio che i cardinali hanno procurato a Beppino Englaro, insieme col Premier della Menzogna che auspicava un figlio da Eluana. Che è convinto che nella scuola pubblica non ci debba essere un insegnamento confessionale. Che elenca tutti i divieti che il Vaticano ha sempre opposto alla scienza, alla medicina, alla stampa, al libero pensiero, ad una sana pratica sessuale, alla fratellanza universale, dal medioevo fino a Pio XII, Papa Wojtyla e Benedetto XVI: contro staminali, fecondazione assistita, DICO, PACS, OMOSESSUALI, UNIONI DI FATTO, contro l’uso del preservativo, ma mai contro la guerra!

Alessio Di Benedetto è docente di “Storia ed Estetica Musicale” presso il Conservatorio “U. Giordano” di Foggia. Dopo la laurea in musicologia e la specializzazione, ha seguito corsi di “Canto e Foniatria” tenuti dal M° Walter Blazer del Conservatorio di New York. I suoi libri, dedicati alla Musica ed all’Harmonia in quanto vettori energetici, hanno un taglio particolare, improntati al concetto universale che suona: “Tutto ciò che non ha più un centro è destinato ad andare in frantumi”. In essi si riscopre l’Armonia dualistica e nucleopolare, secondo l’intonazione naturale. Tra i più recenti ricordiamo, tutti per le edizioni Nuova Carisch di Milano, salvo indicazione contraria: 1) Analisi Musicale – Introduzione alle funzioni dell’Armonia (1994). 2) Manuel de Falla – Homenaje pour «Le Tombeau de Claude Debussy» (1996). 3) Alexander Scriabin – Atto Preliminare (1996). 4) A. Scriabin: VII Sonata – «Messa Bianca» (1997). 5) CD ROM: A. Scriabin – Vita, Opere, Idee (Voodoo, 1997). 6) Due Studi: G. Pernaiachi – S. L. Weiß (1998). 6) Musica ad Figuram – Corrispondenze fra suoni e colori, (Museo d’Arte Immanente, 2000). L’autore ha ora in preparazione un romanzo sulla vita di Richard Wagner, un romanzo senza tempo, che inizia dalle barricate di Dresda del 1849 e termina nel 2013, bicentenario della nascita del compositore tedesco. Nel 2003, ha scritto il libro di stampo olistico I Numeri della musica e la Formula del Cosmo – Dagli Egizi ai giorni d’oggi, ed. ECIG, Genova, che ha conseguito un eccellente successo di pubblico e di critica, vendendo più di 24.000 copie. Nel 2006 è stato pubblicato da Macroedizioni il testo a carattere simbolico iniziatico: L’Amore come via della conoscenza: Tristano e Isolda. Con le edizioni Nexus (2008) All’Origine fu la Vibrazione – Nuove e antiche conoscenze – Tra Fisica Esoterismo e Musica, ove si riscoprono il potere del suono come modello supremo per ascoltare la Gran Sinfonia del Mondo e nuovi sistemi per produrre energia pulita mediante gli ultrasuoni.

Fonte/Autore: Alessio Di Benedetto