Non ci sono i presupposti per il commissariamento dell​’Autorità Portuale

Archivio

In merito al diffondersi di nuove e ulteriori voci circa un presunto commissariamento dell’Autorità Portuale si precisa quanto segue:
– Il Ministero delle Infrastrutture ha comunicato al Presidente dell’Autorità Portuale l’avvio del procedimento amministrativo finalizzato alla verifica della regolarità di alcuni aspetti della gestione dell’ente, già oggetto di precedente ispezione del Ministero dell’Economia. Ciò anche al fine di consentire al Presidente di presentare le proprie controdeduzioni.
– Contemporaneamente, la direzione generale del Ministero ha inviato all’ente una lettera in cui si prende atto delle risposte a suo tempo fornite in merito a precedenti rilievi risultati dalla medesima ispezione.
– Rispetto alla documentazione trasmessa, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha ribadito le proprie perplessità soltanto in ordine al comando di due autisti dalla Regione Lazio.
“Ritengo – dichiara il presidente dell’Autorità Portuale Fabio Ciani – che non sussistano in alcun modo i presupposti per il commissariamento dell’ente, previsti ed elencati dalla legge 84/94, avendo fornito tempestiva risposta ai rilievi mossi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in seguito all’ispezione del Ministero dell’Economia. Peraltro, non sono a conoscenza dell’apertura, né ovviamente tanto meno di alcun pronunciamento in merito, di un processo di conto da parte della Corte dei Conti, unico organo deputato a stabilire l’esistenza di eventuali danni erariali. Quindi, nei prossimi giorni sarà data nuovamente puntuale risposta a ciascuna delle questioni poste dal Ministero, mentre per quanto riguarda la vicenda degli autisti, pur essendo convinto della correttezza del mio operato e di quello degli uffici, confortato da una archiviazione che ha sancito l’insussistenza di risvolti penali, oltre che da un parere pro veritate e da sentenze della giustizia amministrativa sull’istituto del comando, è mia intenzione, onde evitare ogni possibile inutile contrapposizione di carattere istituzionale, sospendere il comando, nelle more dell’approvazione della variazione della pianta organica dell’ente da parte del Comitato Portuale, in cui sarà formalizzata la necessità di avere a disposizione altri due autisti”.

Autorità Portuale Civitavecchia-Fiumicino-Gaeta
Porti di Roma e del Lazio

Fonte/Autore: Autorità Portuale Civitavecchia-Fiumicino-Gaeta