Premio internazionale per il Nuovo Teatro di Montalto di Castro

Archivio

Il 24 settembre a Londra sarà consegnato lo “Europe & Africa Property Awards”

Un premio internazionale di architettura per il nuovo teatro comunale di Montalto di Castro, che verrà inaugurato entro qualche mese e sarà dedicato a Vittorio Gassman. Il prossimo 24 settembre, infatti, al Park Lane Hotel di Londra, a Mdu Architetti di Prato – studio che ha curato il progetto – verrà assegnato lo “Europe & Africa Property Awards 2010”, organizzato in collaborazione con Bloomberg Television. La società ha vinto un premio nella categoria “Architecture Award for Italy”. L’evento è parte dell’“International Property Awards” (www.propertyawards.net), la competizione più prestigiosa del mondo che cerca di identificare i migliori professionisti del settore immobiliare operanti nei cinque continenti. Montalto di Castro, quindi, non solo è in grado di competere, ma addirittura di vincere il premio per la sezione “Europa e Africa”. Nel corso dell’anno, inoltre, Mdu Architetti concorrerà con le altre società vincitrici di Asia, Pacifico, Regno Unito, Americhe e Medio Oriente: i risultati saranno annunciati sempre a Londra, in una cerimonia al Royal Lancaster Hotel sabato 27 novembre. A giudicare i progetti una giuria internazionale di esperti, tra cui Ben Wood, capo del settore “Property Market” di Google Uk, e Fiona Nixon, presidente dell’Istituto nazionale di architettura d’Australia.

Il progetto per il teatro di Montalto di Castro nasce con un duplice obiettivo: si propone come modello concettuale di misurazione del territorio e nel contempo cerca di esprimere architettonicamente la magia esercitata dall’evento teatrale nello spettatore. Il nuovo teatro è un grande monolite in cemento, caratterizzato da leggere variazioni cromatiche e di texture, sul quale la torre scenica appare appoggiata in modo etereo: un volume in vetro industriale U-glass che si smaterializza di giorno confondendosi con il cielo e che di notte, illuminandosi dall’interno, si trasforma in una grande “lanterna” alla scala territoriale. Una nuova, allungata, piazza in cemento colorato e travertino, concepita come deviazione del tracciato della strada di accesso al centro storico, conduce all’ingresso del teatro individuato da un’imponente copertura a sbalzo. Attraverso di esso lo spettatore viene introdotto in un ambiente continuo in cui foyer e platea fluiscono liberamente l’uno nell’altra. Le pareti in legno dall’andamento spezzato generano uno spazio che deriva concettualmente dallo scavo del monolite in cemento. Questa pesantezza morfologica è contraddetta dalla vibrazione del materiale che sembra avvolgere lo spazio con una grande tenda ed introduce lo spettatore alla magica attesa dell’apertura del sipario. Alla platea per 400 persone è contrapposta un’arena all’aperto per 500 persone che può, così, usufruire della scena del teatro.

Per Salvatore Carai, sindaco di Montalto di Castro, “il riconoscimento internazionale al nostro teatro, oltre a renderci orgogliosi, dimostra ancora una volta l’importanza di investire sulla cultura, nonostante i tagli effettuati dal Governo”. Afferma Alessandro Corradini, partner di Mdu Architetti e responsabile del progetto: “La giuria ha riconosciuto l’alto valore architettonico e le innovazioni introdotte nel progetto; valore che ha colto anche l’Amministrazione Comunale di Montalto di Castro, che ringrazio per aver selezionato il progetto in occasione del concorso di progettazione”.

Fonte/Autore: Tuscia media