Un germoglio nei polmoni viene scambiato per tumore

Archivio

Capita ad un settantacinquenne della piccola Cape Cod nel Massachusetts, lo stato con capitale Boston, che si è visto diagnosticare un tumore. Questo germoglio di un pisello o di una fava, della lunghezza di un centrimetro e mezzo, arrivando ai polmoni ha trovato terreno fertile per germogliare. Questa scoperta è avvenuta grazie ad una piccola telecamera collegata alla pinza per effettuare la biopsia, proprio quando sembrava imminente la diagnosi di cancro ai polmoni per Rod Sveden. Dopo una vita passata nel mercato del pesce di sua proprietà, Sveden pensava di essere arrivato al capolinea visto che da una anno e mezzo vive attaccato ad una bombola di ossigeno dopo aver fumato per tutta una vita. In genere un oggetto che finisce nei polmoni viene espulso con la tosse, ma in questo caso era abbastanza piccolo da arrivare laggiù ma abbastanza grande per non poterne più riuscire. Questa ostruzione ha procurato al signor Sveden diversi disturbi come: pressione era bassa, disidratazione. Polmonite, mancanza di appetito. Ad inizio giugno una tosse persistente ha allarmato i medici del Cape Cod Hospital che hanno scoperto che il lobo inferiore di uno dei suoi polmoni era crollato. Sono servite ben 12 biopsie per capire che non si trattava di cancro ma di un germoglio vegetale. Grazie al dottor Splillane si è risolto l’arcano e Rod ha potuto riprendere le sue attività nella chiesa Battista, ad ospitare nella sua casa i membri di un coro e ricevere le attenzioni del figlio Eric e dei suoi due nipoti. La moglie di Rod ha ringraziato Spillane per avergli dato una storia da raccontare a parenti e amici creando sorpresa, stupore, gioia e gratitudine sconfinata.

Fonte/Autore: Lagone