I terroristi sovvertono, non il Partito Democratico di Anguillara Sabazia!!

Archivio

Comunicato stampa del PD di Anguillara:
Apprendiamo che un importante esponente del pdl, ha diffuso uno sconfortante comunicato nel quale si accusa il Partito Democratico di affannarsi nel tentativo di sovvertire il risultato elettorale delle scorse elezioni amministrative svoltesi ad Anguillara.
Ricordiamo agli amici del pdl che nella cultura politica del nostro Paese, la sovversione è un insieme di azioni violente e illegali, tendenti a scardinare e distruggere l’ordine Democraticamente Costituito.
Inevitabilmente l’uso di questo infelice verbo richiama alla nostra memoria gli anni tristi del terrorismo, contro il quale Tutti ci siamo impegnati a difesa del Sistema Democratico.
I terroristi sovvertono, la mafia sovverte, la P2 sovverte, non il Partito Democratico di Anguillara!!
Non possiamo quindi accettare che la dialettica politica sconfini nell’uso strumentale di termini così pesanti
e platealmente inappropriati alla situazione.
Nel nostro caso invece, ci sono ben 2 sentenze di 2 diversi Collegi giudicanti che stabiliscono e confermano l’incompatibilità del Dr Pizzigallo con la carica di Sindaco della nostra città.
Queste due sentenze, la prima del Tribunale di Civitavecchia, la seconda della Corte di Appello di Roma, sono state pronunciate nel nome del Popolo Italiano e sulla base di leggi promulgate dal nostro Parlamento,
il quale è sovrano e legifera nel nome di tutto il Popolo.
La situazione in cui si trova oggi Anguillara deve essere addebitata unicamente al centrodestra che, in maniera del tutto irresponsabile e con un atto di grave arroganza politica, ha candidato a sindaco della nostra città una persona stimabile ma notoriamente incompatibile con tale carica amministrativa.
Ricordiamo inoltre, che la Democrazia si esercita nella legalità e all’interno della cornice costituita dalle norme esistenti nel nostro Paese:
NON CI PUO​’ ESSERE DEMOCRAZIA SENZA IL RISPETTO DELLE LEGGI!!
Quindi tali ”lezioncine”, fareste bene a darle ai 3 ministri del vostro governo che si sono dovuti dimettere travolti dagli scandali. Oppure, se ne avete il coraggio, al presidente del consiglio, il quale ha brillantemente sentenziato che la libertà di stampa non è sempre un diritto assoluto. Il problema è che ad una affermazione così forte, dalla quale trasuda tutto il disprezzo possibile verso ogni forma di libero pensiero e libera espressione, il pdl ha risposto con un fragoroso, imbarazzato e servile silenzio.

Fonte/Autore: PD Anguillara