Donna uccisa a Civitavecchia. Leuci (PD): Basta chiamarli delitti passionali

Archivio

“La rassegna stampa sulla violenza alle donne è un bollettino di guerra che non può passare inosservato; una sfilza di delitti aberranti che è un paradosso chiamare passionali. Non è infatti accettabile attribuire all​’ eccessivo innamoramento il raptus di un uomo che uccide una donna prendendola a sprangate o a coltellate”.
Lo dichiara la presidente del Comitato provinciale Pari Opportunità Flavia Leuci che continua:
“Insistere nel bollare come ​’amore estremo​’ furia omicida e massacro del corpo femminile è parte di quella stessa cultura, o meglio assenza di essa, che genera la violenza e ne pretende addirittura la comprensione.
La stessa scandalosa, recente sentenza della Cassazione per cui in sostanza, una donna dal carattere “forte” si potrebbe maltrattare – aggiunge Leuci – è cartina al tornasole di quel pauroso salto all​’indietro che la società italiana sta facendo e per cui pare che le donne debbano finire massacrate, stuprate, all​’ospedale perchè diventi chiaro a tutti che si trattava di “sopraffazione” e non di “un semplice clima di tensione” . Dobbiamo lavorare, agire senza sosta per un cambio di cultura e – conclude Leuci – le parole non sono meno importanti”.

Fonte/Autore: Flavia Leuci