700 mila firme per il Referendum Acqua Pubblica con 5400 dai comuni della Provincia Nord

Archivio

Il 24 aprile è iniziata la campagna nazionale referendaria “L’acqua non si vende” promossa dal Forum nazionale dei movimenti per l’acqua e numerose altre realtà, per raccogliere le firme necessarie ad abrogare tre norme di legge che dal 2006 ad oggi hanno portato alla progressiva privatizzazione del servizio idrico integrato (SII) in Italia.
Ad un mese dall’inizio della raccolta firme, che si concluderà il 4 luglio, sono state raggiunte a livello nazionale 700 mila firme (a fronte della soglia minima di legge pari a 500 mila).
Nel 2007 alcune associazioni dei Comuni della Provincia di Roma Nord (tra cui Ladispoli, Anguillara, Bracciano, Canale Monterano, Cerveteri e Trevignano) hanno dato vita al Comitato acqua pubblica CPRN che aderisce al Forum nazionale.
Il Comitato in questi anni si è fatto promotore di numerose iniziative a favore dell’acqua pubblica (convegni, percorsi educativi, iniziative culturali). Si è impegnato, inoltre, a dialogare con le amministrazioni alla ricerca di un percorso condiviso che ha portato, in alcuni Comuni (Anguillara, Ladispoli e Canale Monterano), all’approvazione di delibere che hanno modificato i rispettivi statuti in difesa di una gestione pubblica del SII.
In occasione della campagna referendaria, il Comitato si è attivato organizzando banchetti sul territorio, grazie all’impegno di numerosi volontari, che hanno raccolto ad oggi lo straordinario numero di 5412 firme.
Dall’inizio della campagna un numero crescente di associazioni si è unito al CPRN condividendone gli obiettivi.
Oltre al mondo dell’associazionismo hanno mostrato interesse a partecipare alla raccolta firme anche alcune forze politiche locali appartenenti a schieramenti diversi.
In risposta a queste richieste, il Comitato si dichiara aperto alla collaborazione con le medesime.
Al fine di garantire la trasversalità di questa battaglia, promossa fin dall’inizio dalla società civile, e per evitare eventuali strumentalizzazioni, il CPRN invita le suddette forze politiche a collaborare con i propri volontari ai banchetti che terrà sul territorio anziché organizzarli in modo autonomo.
Questa posizione nasce dalla constatazione che gli ottimi risultati ottenuti e i futuri obiettivi (il raggiungimento del quorum referendario) dipendono dall’essere questa una battaglia di civiltà che prescinde da colori politici e dalla quale nessuno dovrebbe sentirsi escluso.
Contatti: Referente CPRN – Serena Leone, email: serena_leone@hotmail.it, cell: 3498636638

Fonte/Autore: Comitato acqua pubblica Comuni della Provincia di Roma Nord (CPRN)