Oriolo, nasce il Fondo Ambiente Tuscia Romana

1

Archivio

Fondo Ambiente Tuscia Romana. Questo il nome della nuova associazione, con sede in via Claudia 99 a Oriolo, nata come organizzazione no-profit che punta a “legarsi” al FAI (Fondo Ambiente Italia). Già a lavoro sulla prima importante iniziativa, ottenuto il sostegno di molte amministrazioni, ha come obiettivo la collaborazione con altre associazioni, come quella de “L’Agone Nuovo”. Un’associazione parallela alla TUA (Associazione per la Tutela Urbanistica eAmbientale), che già lavora in sinergia col Fondo Ambiente

Tuscia Romana. Scopo della nuova organizzazione, ha spiegato il presidente, Paolo D’Attilio, è «allargare il territorio d’azione (dell’attuale TUA, n.d.r.) così da avere un numero elevato di soci che possano cooperare su un’area più vasta e porre all’attenzione della gente e delle amministrazioni varie problematiche». La valorizzazione e il recupero di beni ambientali (abbandonati, poco noti o sconosciuti) sono le priorità di questa associazione che punta, entro due anni, a fare richiesta di iscrizione all’albo delle Associazioni della Regione Lazio per ricevere un finanziamento congruo che permetta di portare avanti varie attività per tutelare un patrimonio immenso, ma trascurato, come quello artistico-ambientale della Tuscia Romana.

Nell’attesa, il primo appuntamento è fra circa un mese, quando si terrà una mostra fotografica di Ivo Valentini sui siti archeologici, “Le bellezze della Tuscia Romana”, sponsorizzata da Alessandro Griffini dell’associazione “L’Agone Nuovo”.

Ad essa hanno già aderito i sindaci di Oriolo, Bracciano, Manziana, Tolfa, Vejano e il presidente dell’Università Agraria di Canale Monterano.

Insomma le premesse sono buone, anche perché all’associazione ha aderito Claudio Minelli, ex assessore

al Comune di Roma e ora a capo di vari progetti della Regione Lazio: esperto di astronomia, Minelli vorrebbe portare a Oriolo una giornata dedicata alla scienza che studia le stelle.

Fonte/Autore: Barbara Conti