Progetto dei comitati di quartiere

    219

    Archivio

    Realizzare ad Anguillara S. i Comitati di Quartiere o di zona è una necessità per i cittadini, soprattutto in considerazione del fatto che la popolazione negli ultimi anni è aumentata ad un ritmo di 500 nuovi abitanti l’anno, raggiungendo nel 2009 i 18.000 residenti, con evidenti problemi di aggregazione. La nascita di questi organismi democratici apartitici che il Comune riconosce come organi consultivi come previsto nell’articolo 34 del proprio Statuto. se realizzati in conformità ad un regolamento generale che l’Amministrazione fornirà, consentirebbe ai cittadini di poter tramite attività sociali locali di aggregarsi e di rappresentare la vera controparte consultiva e dialogante delle Amministrazioni pubbliche e private, quale sia la loro appartenenza politica.

    Con l’approvazione del nuovo Statuto del Comune di Anguillara Sabazia, nascono ufficialmente, dopo quattro anni di lavoro e progettazione, i Comitati di Quartiere. Si tratta di organi consultivi dedicati al dialogo con i cittadini che hanno il compito di avvicinare l’Amministrazione al territorio, per una migliore gestione e trasparenza delle cose di interesse pubblico.

    Rappresentano, quindi, sia dei canali di comunicazione tra i cittadini e l’Amministrazione in cui veicolare proposte, richieste ed istanze, che luoghi in cui far maturare le scelte da compiere in maniera concertativa e collegiale. Insieme.

    I Comitati hanno inoltre il compito di favorire ogni forma di aggregazione e socializzazione fra i cittadini quale elemento essenziale per una convivenza civile e democratica,

    Quanti sono i Comitati?

    Il territorio comunale è stato suddiviso in aree omogenee, in 20 Quartieri ai quali, una volta avviato il progetto, corrisponderanno altrettanti Comitati.

    Come posso partecipare al Comitato del mio Quartiere?

    Ogni Comitato è formato ed animato dai cittadini e dalla loro attività volontaria spesa per il bene della collettività. Chiunque può partecipare all’Assemblea del proprio Quartiere, votare ed essere eletto (come prevede lo statuto del quartiere) per le cariche rappresentative, che sono il Comitato Direttivo, il Presidente, il Collegio dei Garanti.

    Quanto costano i Comitati all’Amministrazione?

    I Comitati di Quartiere non comportano costi aggiuntivi per il Comune. Le risorse minime per la gestione dei Comitati possono essere reperite dai Comitati stessi attraverso l’autofinanziamento, svolgendo attività culturali e ricreative locali. In caso di necessità, ove non si disponga di sedi idonee, l’Amministrazione si adopererà al reperimento dei locali atti a svolgere le necessarie assemblee.

    Perché i Comitati di Quartiere?

    Il progetto dei Comitati nasce dalla convinzione che sia indispensabile, secondo i principi di Agenda 21 per lo Sviluppo Sostenibile, rafforzare la partecipazione dei cittadini alle decisioni delle amministrazioni pubbliche. Il nostro ambizioso obiettivo è dar vita ad una vera democrazia della partecipazione, dove le persone siano parte attiva dei processi decisionali e delle scelte da compiere.

    Quale strumento ne regola le funzioni e il rapporto con le Istituzioni?

    Verrà fornito dall’Amministrazione ai Comitati promotori che hanno il compito di stilare una lista di candidati individuata fra i cittadini residenti nel quartiere come prevede un Regolamento (Statuto) che è in via di approvazione dalla Commissione Regolamenti del Comune e successivamente dal Consiglio Comunale.

    Fonte/Autore: Benedetto Titocci